Powered by Blogger.

Sul mio comodino

Sul mio comodino

Ho pianto con..

Michey consiglia...

Michey consiglia...

Archivio

Popular Posts

Categories

mercoledì 23 aprile 2014

Non sempre le storie inventate sono le meno importanti:

Eccoci arrivati al mio primo commento, sono così eccitata.
Non solo perché è la prima volta che commento un libro, ma perché parliamo di uno dei miei libri preferiti : COLPA DELLE STELLE.

Perché commentare e non recensire? Ci sono troppe recensioni in giro. Voglio che voi abbiate un commento non una recensione.
Vi lascio la copertina originale e la trama :

Autore: John Green (Traduttore: G. Grilli)
Edito da: Rizzoli (Collana: Narrativa Ragazzi)
Prezzo: 16,00 € 
Genere: Romanzo Contemporaneo, Narrativa Straniera, Young Adult
Pagine: 
360.

                     ORA PARLO IO:
Avete letto la trama? SI? SICURI? MA SIETE PROPRIO SICURI? SI? OKAY? OKAY, AVETE FATTO MALISSIMO.
Per presentare il libro è stata scritta una trama orribile, il genere di trama che ti fa prendere il libro tra le mani e te lo fa scartare e Green non se lo merita.
Sebbene il libro presenta tematiche molto forti, come , il cancro, la lotta per la propria vita, un amore dannato, il dolore dei genitori ( " C'è solo una cosa al mondo più merdosa di dover combattere contro il cancro quando hai sedici anni, ed è avere un figlio che combatte contro il cancro" ) , John Green ci regala un libro raccontato da una ragazzina irriverente e spigliata amante dei libri. 

Un libro scritto in chiave ironica che ti regala tante risate, ma di quelle forti  e fatte a squarcia gola, e tante lacrime, di quelle versate con il cuore. 
Un libro che personalmente mi ha insegnata a vivere, a cogliere la vita e a viverla giorno per giorno. 
"Tentare di scoprire se in una storia si nascondono fatti reali non giova né ai romanzi né ai loro lettori. Si tratta di sforzi che intaccato l'idea stessa che le storie possano essere importanti a prescindere, il che è in pratica l'assunto fondante della nostra specie"
Green apre così la storia: con una nota, che personalmente mi ha colpita più di molte frasi presenti nel libro. Sebbene affermi che la storia sia completamente inventata, è comunque stata ispirata (NON ANDATE A FARE RICERCHE). Non per forza se una storia è inventata non è speciale, è questo Green ce l'ho dimostra.


"A volte leggi un libro e ti riempie di uno strano zelo evangelico che ti convince che il mondo frantumato che ti circonda non potrà mai ricomporsi a meno che, o fino a quando, tutti gli esseri umani non avranno letto quel libro. E poi ci sono libri come "Un'imperiale afflizione", di cui non puoi parlare con l'altra gente, libri così speciali e rari e tuoi che sbandierare il tuo amore per loro sembrerebbe un tradimento"
 ECCO! ESATTAMENTE! Ammettiamo che ci siamo sentiti tutti così leggendolo, volevo regalarlo a tutti e tenermelo per me allo stesso tempo. Ho scelto la prima perché dovevo sclerare. 

"Mentre leggeva, mi sono innamorata così come ci si addormenta: piano piano, e poi tutto in una volta".

Hazel in quel momento si innamora di Augustus ma dato le sue condizioni non vuole legarsi. Troppo tardi. E' troppo tardi anche noi . Ci siamo innamorati di loro già dal primo momento. Prima piano piano. e poi tutto in una volta. Volevo essere lei solo per baciare Augustus, un personaggio descritto talmente bene che sembra vero. Amante delle metafore, coraggioso, che impara a godersi le belle cose quando si presentano.


"Non ti uccidono, se non le accendi"(...)"E non ne ho mai accesa una. E' una metafora, sai: ti metti la cosa che uccide fra i denti, ma non le dai il potere di farlo."
Ogni piccola  frase di questo libro mi ha fatta pensare. Non è la semplice storia d'amore , l'autore ha voluto descrivere un libro che faccia pensare su tutti i fronti. Che fa immedesimare il lettore non solo nei protagonisti, ma anche nei migliori amici e nei genitori. Tutti loro sono importatissimi in questa storia. Vitali.
"Non vorrei mai farti una cosa del genere" gli ho detto."Oh, a me non importerebbe, Hazel Grace. Sarebbe un privilegio ritrovarmi il cuore spezzato da te."
Ed è così, è stato un privilegio essermi ritrovata 'rotta' . Ogni frase. Ogni gesto. Ogni personaggio. E' una vita che va vissuta.
 "La colpa,caro Bruto, non è nelle stelle ma in noi stessi"
Questo è l'assunto del romanzo. Ogni frase gira intorno a questa. Purtroppo Cassio aveva torto. La colpa è decisamente nelle nostre stelle.
Non è una recensione quella che ho scritto. Questo mio commento è stato scritto perché volevo che voi amaste con me questo piccolo capolavoro. Green, Hazel e Gus se lo meritano. Come si meritano il film che uscirà il 4 Settembre nelle sale.
Prima di lasciarvi con il trailer e la playlist, vorrei dirvi due parole su questa lettura: per quanto la vita sia difficile e sia un eterno su e giù, vivetela. Vivete ogni giorno come se fosse l'ultimo. Non abbiate rimorsi. Buttatevi su tutto. Perché quel giorno, potrebbe davvero essere l'ultimo.

Trailer: 




 
Soundtrack: 
1) Ed Sheeran – “All Of The Stars”
2) Jake Bugg – “Simple As This”
3) Grouplove – “Let Me In”
4) Birdy & Jaymes Young – “Best Shot”
5) Kodaline – “All I Want”
6) Tom Odell – “Long Way Down”
7) Charli XCX – “Boom Clap”
8) STRFKR – “While I’m Alive”
9) Indians – “Oblivion”
10) The Radio Dept. – “Strange Things Will Happen”
11) Afasi & Filthy – “Bomfallarella”
12) Ray LaMontagne – “Without Words” 13) Birdy – “Not About Angels”
14) Lykke Li – “No One Ever Loved”
15) M83 – “Wait”




John Michael Green (Indianapolis, 24 agosto 1977) è uno scrittore statunitense, blogger e critico. Ha vinto nel 2006 il Pritz Award per il suo primo romanzo Cercando Alaska ed ha raggiunto il primo posto nella New York Times bestseller list del gennaio 2012 grazie al suo ultimo, Colpa delle stelle.







ROMANZI:



  • Looking for Alaska (Cercando Alaska)

    • An Abundance of Katherines (Teorema Catherine)
    • Paper Towns (Città di carta)
    • Let It Snow: Three Holiday Romances - con Maureen Johnson e Lauren Myracle
    • Will Grayson, Will Grayson - con David Levithan
    • The Fault in Our Stars (Colpa delle stelle)

      Love Maichy. 

    0 commenti:

    Cerca nel blog

    La sognalettrice

    La mia foto

    Lei è una piccola lettrice in cerca di un suo posto.
    E' curiosa, testarda, ama, suona, vive le persone. 
    E' divergente. 
    Se si dovesse descrivere andrebbe in panico. 
    Musica, lettura, skate, surf, fotografia,  amici . 

    Piccoli lettori potete trovarmi qui

    Lettori fissi

    Translate